Via Minervia – Escursione guidata con impegno ecologico alla Sperlonga

In età storica una diramazione della Capua-Reghium muovendo da Nuceria giungeva, dopo aver attraversato Stabiae e Surrentum, all’estremità occidentale della Penisola sorrentina, dove sorgeva il santuario di Athena – mitica fondazione di Odisseo (cfr. Strab. Geog. V 4, 8 – c. 247). Di questa antichissima via di comunicazione tra la piana nucerina e l’Athênàion testimoniano la Tabula Peutingeriana ed alcune colonne miliarie rinvenute nei pressi dei più importanti abitati del tempo: nel 1950 ad Angri, senza indicazione di distanze ma con la titolatura imperiale di Adriano (120/121 d.C.); nel 1879 a Castellammare di Stabia (XI miglio da Nuceria); prima del 1894 a Sorrento, indicante XXV miglia dal principale snodo stradale in occasione del restauro della via Nuceria-Stabias-Surrentum, promosso dall’imperatore Massenzio tra il 307 ed il 312 d.C. (cfr. amplius Russo 1998 e, da ultimi, Adinolfi 2015 e Adinolfi-Senatore 2016).

L’effettivo tracciato dell’antica arteria stradale (con i suoi diverticoli) ha suscitato l’interesse di varî studiosi, tra i quali ricordiamo A. Varone (1984) per lo studio del tratto iniziale Nuceria-Stabias; M. Russo (1998 e 2004) per aver inquadrato la cd. Via Minervia nel contesto della viabilità antica della Penisola sorrentina; M.T. Caputo (2004) per una ricognizione archeologica eseguita nell’ultima parte dell’itinerario, da Sorrento al Promunturium Minervae – oggi Punta della Campanella. Per motivi principalmente legati alle caratteristiche ambientali del versante costiero fra Castellammare di Stabia e Vico Equense, tra l’altro sfigurato da un’industria mineraria più volte secolare, manca al presente uno studio che possa gettare luce sull’impervio passaggio inter Stabias et Aequam della Via Minervia.

L’uscita escursionistica di venerdì prossimo, 15 febbraio 2019, si propone dunque come un piccolo contributo alla conoscenza della antica rete viaria della Penisola sorrentina alla luce delle caratteristiche geo-morfologiche del territorio attraversato – dal centro di Vico Equense al Vallone della Sperlonga – e dei suoi più recenti (talvolta irreversibili) cambiamenti paesaggistici.

g.a.

*************************************************************************************

Rassegna stampa

I. De Rosa, Vico Equense. Liquami in mare a Marina di Aequa, la Sperlonga trasformata in discarica, “Il Mattino”(Ediz. Sud), a. CXXVII, n. 49, 19 febbraio 2019, p. 34.

[S. Dare], Vico Equense. Alveo-discarica, recuperati 450 chili di rifiuti, “Metropolis” (Edizione Sud), a. XXVI, n. 51, 21 feb. 2019, p. 11.

 

Il buon esito dell’evento ha ricevuto visibilità on line con le pagine seguenti:

15 febbraio 2019
http://vicoequenseonline.blogspot.com/2019/02/sperlonga-escursione-ecologica.html

18 febbraio 2019
https://www.positanonews.it/2019/02/vico-equense-viaggio-nelle-sorgenti-della-sperlonga-emergenze-naturalistiche-guasti-della-modernita/3292856/

http://www.lostrillodellapenisola.com/vico-equense-viaggio-nelle-sorgenti-della-sperlonga-tra-emergenze-naturalistiche-e-guasti-della-modernita/

19 febbraio
https://www.tuttosanita.com/vico-equense-un-paradiso-trasformato-in-pattumiera/?fbclid=IwAR251ZhvuHlv_rD1hgwdncV-WdddMi5xra78XQubC4OvAT8wpI8JAQTuDqY

https://www.stabiachannel.it/Cronaca/vico-equense-viaggio-nelle-sorgenti-della-sperlonga-tra-emergenze-naturalistiche-e-guasti-della-modernita-75990.html

23 febbraio
https://www.agorainforma.it/sperlonga-4-quintali-di-rifiuti-raccolti/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...